ELISS
Experts of Lawful Interception and Security Standards
Lawful Interception Academy



World News

Referendum Svizzera 25 settembre 2016: nuova legge sulle attività informative

Il 25 settembre 2016 i cittadini svizzeri hanno votato il referendum sulla nuova Legge sulle attività informative, che dovrebbe servire a meglio prevenire le minacce terroristiche. Il 65,5% dei cittadini svizzeri ha votato a favore.

Approvata dal Parlamento nel settembre 2015, la Legge federale sulle attività informative (LAIn) ha lo scopo di disciplinare in modo completo tutte le attività informative, che “non sono più conformi alle minacce e ai rischi moderni”, indica il Dipartimento della difesa.

Il testo è stato adottato dal Consiglio nazionale con 145 voti contro 41 e 8 astensioni. Il Consiglio degli Stati lo ha approvato con 35 voti contro 5 e 3 astensioni.

Il referendum è stato lanciato da “L’alleanza contro lo Stato ficcanaso”, guidata da Gioventù Socialista e sostenuta anche dal Partito socialista, i Verdi, i giovani Verdi, il Partito pirata, il Partito del lavoro, il Gruppo per una Svizzera senza esercito, Digitale Gesellschaft, Diritti fondamentali, Il Sindacato dei media e della comunicazione (Syndicom) e la Lista alternativa di Zurigo.

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) sarà quindi dotato di nuovi mezzi. Oltre alla sorveglianza telefonica, sarà anche autorizzato a controllare la posta elettronica, infiltrare sistemi informatici all’estero e installare microfoni.